Il Rescue Remedy è un rimedio completamente naturale, uno dei più conosciuti del Dottor Bach, formulato in gocce e utilizzato in situazioni di emergenza proprio come si evince dal nome.

Il vantaggio più grande sta nel fatto che può essere assunto non soltanto dagli umani, bensì anche dagli animali, ai quali può essere somministrata l’apposita versione in commercio a loro riservata, priva di alcool.

In questo articolo ci soffermeremo a spiegare in quali casi si rivela utile il Rescue Remedy nel cane, il dosaggio raccomandato e come darlo al vostro amico a quattro zampe.

Ultimo aggiornamento 20 settembre 2018 21:43

Quando somministrare il Rescue Remedy al cane

Trattandosi appunto di un rimedio di emergenza, il Rescue Remedy si utilizza in tutti quei casi in cui si verifica qualcosa di particolarmente stressante per l’animale, situazioni in cui paura e panico prendono il sopravvento.

Se il cane si ritrova dunque a vivere uno shock di qualunque natura, che si tratti di un incidente, un trasloco, la morte improvvisa di una persona a lui molto cara oppure un’aggressione da parte di un altro cane, il Rescue Remedy rappresenta un valido aiuto nella gestione delle emozioni.

Tuttavia, è da sottolineare che va sempre assunto con un certo criterio, sia da umani che da animali, e solo quando la situazione lo richiede per davvero. Non è infatti particolarmente indicato nel trattamento a lungo termine di disturbi ansioso/depressivi, ma soltanto nel pieno di un’emergenza, di un forte allarme, di un cambiamento importante che crea scompenso mentre si verifica.

Nel cane, ad esempio, può essere somministrato in previsione di una visita dal veterinario (se il vostro amico a quattro zampe vive con particolare ansia quest’appuntamento di routine), o nel caso in cui l’incontro ravvicinato con un altro cane generi del panico, con il rischio di traumatizzarlo.

Dosaggio e modo d’uso

Nel momento in cui accade qualcosa per cui si rivela necessario somministrare il Rescue Remedy al vostro cane, vediamo insieme il dosaggio più adeguato.

Se avete in casa una boccetta di Rescue Remedy destinata a voi, contenente dunque alcool, è opportuno diluire le gocce in mezzo bicchiere d’acqua per poterle somministrare al cane. Iniziate con quattro gocce ogni cinque minuti, aumentando di volta in volta il tempo tra una somministrazione e l’altra, in base al grado di tranquillità raggiunto dall’animale. Successivamente, infatti, potrete passare a quattro gocce da dare ogni dieci minuti, poi ogni quindici, finché il cane non si sarà tranquillizzato completamente. A quel punto sospendete la somministrazione.

Il Rescue Remedy trova largo impiego nei giorni che precedono e seguono il Capodanno, quando botti e fuochi d’artificio gettano nel panico ogni animale, domestico e non. In questo periodo la somministrazione deve essere più o meno continuativa e frequente, soprattutto se simili fastidiosi rumori imperversano quotidianamente.

Invece, nel caso in cui preferiate acquistare la formulazione apposita per animali – scelta consigliata – che è priva di alcool, non è necessario diluire il prodotto in mezzo bicchiere d’acqua, ma può essere leccato direttamente dal cane. Vanno sempre bene quattro gocce per ogni assunzione.

Uso topico del Rescue Remedy

Oltre al tipo di somministrazione sopra descritta, il Rescue Remedy è adatto anche a un uso topico e quindi esterno, come affermato dallo stesso Bach. Il medesimo uso può essere attuato sugli animali, e quindi sui cani, in diverse situazioni: per le punture di insetto, va applicato per cinque o sei volte ogni dieci minuti, e già dopo quarantacinque minuti la situazione dovrebbe migliorare. Funziona bene anche in caso di dolori muscolari, contusioni, escoriazioni e per piccole infezioni cutanee che si risolvono nel giro di un paio di giorni. Per quanto riguarda le scottature è altrettanto ottimo se applicato insieme all’olio di iperico.

Categorie: Animali

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi