Li chiamavano giochi di società. In effetti, si tratta di giocattoli che hanno segnato intere società e soprattutto aiutato generazioni di ragazzi a crescere all’insegna della condivisione e del divertimento. Sono i giochi da tavolo che, nel corso degli anni sono cambiati ma non sono mai stati accantonati. A partire dal gioco dell’oca fino anche al monopolino, ne esistono di adatti ad ogni età. La storia dei giochi da tavolo è molto antica e si può fare già una distinzione tra i giochi di squadra e quelli invece adatti a tutta la famiglia.

I giochi da tavolo, ecco i più famosi

I giochi da tavolo rappresentano un fenomeno diffuso soprattutto nei paesi occidentali e nascono come momenti di aggregazione fondamentale nella vita sociale di ogni persona. A partire dalla Germania, la voglia di dare luogo a questi momenti di condivisione si è diffusa a macchia d’olio in tutto l’Occidente. Esistono varie tipologie di giochi da tavolo, ma i più famosi ed evergreen sono conosciuti praticamente in tutto il mondo.

Basta pensare ai giochi di simulazione o astratti che sono anche quelli che tendono a favorire la finzione e quindi tra loro, vale la pena prendere in considerazione i giochi di ruolo. Ad esempio c’è Monopoli, o monopolino per i più piccini, che simula il mercato immobiliare. Cluedo che invece rende i giocatori investigatori su una scena di un delitto; Risiko che parla di geopolitica e non solo. Ci sono poi giochi astratti come dama, scacchi o domino. Altri giochi da tavola parlano invece di statistica e di fortuna, come ad esempio il gioco dell’oca che è uno dei più antichi.

Le idee per rendere giochi per bambini davvero speciali

I bambini hanno sempre bisogno di essere stimolati nel gioco e quindi devono essere impegnati a sviluppare le proprie capacità mettendo in campo fantasia e creatività. Molti bambini devono essere coinvolti in attività di gioco che prevedano condivisione ed impegno allo stesso tempo, ma anche tanto divertimento. Sarà perciò importante fare in modo che vengono sviluppati i loro interessi, pensando a dargli idee per imitare, costruire, realizzare cose ex-novo con l’aiuto anche di elementi semplici come nastro isolante e oggetti domestici inoffensivi.

Qualora invece dovesse sorgere la necessità di condividere con i bambini più frequentemente ore di gioco, allora l’intera famiglia dovrebbe essere coinvolta in questa procedura di gioco. E’ per questo motivo che si potrebbe scegliere di affidarsi ai classici giochi di società o di gruppo puntando sull’aiuto dell’esperto Nano Bleu giocattoli, o anche magari decidere di creare insieme qualcosa ex-novo. Sarà importante riuscire sempre a fare dei giochi che possono aiutare i bambini a sviluppare le loro capacità aiutandoli nella formazione. Riuscire a staccare la presa dei videogiochi cercando magari ad allontanarli in questa fase della loro vita dalla tecnologia, potrebbe essere una scelta azzeccata per i bambini, che nel lungo periodo potrebbe sicuramente garantirgli degli effetti positivi. Il bambino perciò deve essere coinvolto in un gioco insieme ad un gruppo di coetanei o anche con i suoi familiari, solo così crescerà e si divertirà giocando in maniera spensierata.

Categorie: Curiosità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi