Il delfino rappresenta uno degli animali più amati da grandi e bambini. È un animale simpatico, socievole e giocoso, pieno di vitalità e, anche se non ci credete, facile da disegnare! Volete provare a disegnare un delfino? Munitevi di matita, carta bianca, gomma (qualche errore può sempre capitare) tempera e pennello. A questo punto possiamo incominciare!

I delfini e miti

Nell’antica Grecia c’era una leggenda che raccontava che alcuni pirati avevano rapito un ragazzo e lo avevano ridotto in schiavitù sulla loro nave. Quello che i pirati non sapevano è che quel bel ragazzo era il dio Dionisio, travestito da umano. Sdegnato dal comportamento dei pirati che lo volevano vendere, e dai mercanti di schiavi in genere, li tramutò in delfini. Si dice che sia questo il motivo per cui stanno molto vicini agli uomini.

Se da esseri umani erano crudeli, da delfini sono adorabili e non è possibile non amarli. Inoltre sono esseri molto intelligenti: basta pensare che il loro cervello ha un diametro quasi doppio al nostro e sono in grado di comunicare tra loro e socializzare tranquillamente. L’eleganza dei loro movimenti, la grazia e la velocità con cui si muovono stimola le fantasie dell’arte. Allora basta perdersi in chiacchiere e passiamo ai fatti: matita alla mano!

Disegnare un delfino

Componete sul lato destro, ma leggermente staccato dal bordo, un cerchio. Questo servirà per disegnare la testa del delfino. Sul lato sinistro del cerchio disegnate una riga curva, tipo la coda di un cavallo, ma più morbida e allungata. Questo sarà il corpo del delfino. A metà circa della schiena si deve disegnare un triangolo con la punta arrotondata. Questa è la pinna dorsale! A questo punto il corpo del delfino è abbozzato, ora basta rifinirlo con i dettagli e il gioco è fatto, facile vero?

Iniziamo con il muso del delfino. Dovete disegnare un becco lungo. Per aiutarvi potete fare un ovale molto piatto e dividerlo in due, in questo modo sarà più facile arrivare al risultato desiderato. Se doveste fare un delfino a bocca aperta, ricordatevi di munirlo di una fila di piccoli dentini appuntiti. Ora passiamo agli occhi. Formate un cerchio leggermente allungato con una riga scura abbastanza spessa, leggermente sfumata sul fondo. Lasciate un’area bianca e al centro inserite la pupilla nera. Se volete dargli profondità potete sfumare il colore all’interno e inserire un piccolo quadratino che resterà bianco. Sembrerà che la luce si rifletta sulla pupilla. Vediamo un po’ che cosa manca secondo voi? Ma certo, la coda! Disegnate una specie di W con le linee molto morbide e le punte molto arrotondate e appena accennate, aggiungete le pinne inferiori e il delfino è fatto. La parte difficile arriva ora: si deve colorare. Potete farlo con la matita, usando la tecnica del chiaro/scuro. Con questo metodo potrete munire il delfino di tutte le ombre necessarie a renderlo reale! Oppure tempera, usando varie sfumature di grigio, sempre per rendere reale il soggetto, o acquarello, il massimo per questi dipinti. Giocate molto sulle tonalità: solo in questo modo riuscirete a dar vita alla vostra opera.

Categorie: Curiosità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi