La legge di Stabilità ha prorogato il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie, soprattutto per quanto riguarda sistemi di antifurto per la casa e per i sistemi di allarme generali. Le spese, fino al 31 dicembre 2017, sono detraibili nella misura del 50%.

Il bonus avviene sotto detrazione dell’IRPEF e la detrazione è ripartita in 10 quote annuali costanti e di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese per gli anni successivi. Le detrazioni fiscali 2017 sono agevolabili per singole unità abitative (per quanto riguarda allarmi e sistemi antifurto) ma anche per condomini (in questo caso solo per quanto riguarda gli allarmi e la loro riparazione).

Usufruire della detrazione

Coloro che risultano contribuenti assoggettati all’Irpef possono usufruire della detrazione. L’agevolazione spetta, oltre che ai proprietari, anche ai titolari di un diritto reale di godimento. Oltre alle spese da effettuare per i lavori, si può considerare anche le spese per progettazione, acquisto materiali ed IVA.

Il contribuente potrà usufruire della detrazione fiscale se effettua i pagamenti con bonifico bancario o postale in cui risultino una causale del versamento (riferimento all’art. 16-bis del TUIR), il codice fiscale del cliente pagante ed il codice fiscale del beneficiario.

Da notare che, al momento del pagamento del pagamento del bonifico, banche e poste devono porre una ritenuta pari al 4% a titolo di acconto dell’imposta (ritenuta dovuta dall’impresa che andrà ad effettuare i lavori).

È opportuno anche indicare, nella dichiarazione dei redditi, i dati catastali che identificano l’immobile e, inoltre, conservare documenti come ricevute dei bonifici di pagamento, fatture, dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, ricevute di pagamento dell’IMU, delibera assembleare di approvazione per eseguire i lavori e di una tabella di ripartizione delle spese.

Per quanto riguarda gli interventi realizzati su parti condominiali, il contribuente può impiegare una certificazione rilasciata da amministratori condominiali, indicando la somma che il contribuente terrà di conto ai fini della detrazione per agevolazioni fiscali allarme nel caso in cui quest’ultimo abbia aderito a tutti gli obblighi previsti.

Categorie: Curiosità

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi